L’energia di SC Johnson arriva dal vento

L’energia del vento fa muovere il più grande impianto produttivo di SC Johnson (e anche altri!)

Il più grande sito di produzione globale di SC Johnson ha un’estensione pari a 36 campi da football. Ed è alimentato da energia rinnovabile.
Come si fa a evitare ogni anno l’emissione di quasi 6.000 tonnellate di gas serra? Costruendo delle pale eoliche.
Guardate in alto. No, mooolto in alto. A Waxdale, il più grande impianto produttivo di SC Johnson, le turbine eoliche sono alte 126 metri e sovrastano la maggior parte delle strutture circostanti. Per costruirle abbiamo addirittura dovuto chiedere l’approvazione dell’Amministrazione Aviazione Federale statunitense. La loro particolarità è che non si trovano in un lontano parco eolico, ma nell’area del nostro stabilimento, svettanti sulla nostra comunità. 

La loro presenza potrà sembrare incombente, ma offre un grande beneficio in termini di risparmio energetico. Le nostre turbine eoliche generano 8 milioni di kilowatt-ora di elettricità ogni anno (equivalenti al fabbisogno di 770 case) e ci consentono di evitare circa 6.000 tonnellate di emissioni di carbonio rispetto a quanto avverrebbe se usassimo combustibili fossili. 
Le turbine sono un altro simbolo del nostro impegno per le generazioni future.
Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson
Waxdale, che si trova a Mount Pleasant nel Wisconsin, è il luogo in cui nascono alcuni dei nostri prodotti più famosi: da Glade® a Pronto®, da Scrubbing Bubbles® a Windex®. Ha una superficie pari a quella di 36 campi da football, misure che ne fanno il nostro più grande sito di produzione globale. Non è quindi un compito da poco usare fonti di energia rinnovabile per produrre l’elettricità che richiede. 
 
Abbiamo iniziato nel 2003, installando a Waxdale la nostra prima turbina di cogenerazione. Usando il metano emesso dai rifiuti di una vicina discarica pubblica, la turbina produceva 3.200 kilowatt di elettricità e oltre 8 tonnellate di vapore all’ora. Una seconda turbina, aggiunta nel 2005, utilizza gas naturale a combustione pulita per soddisfare un’altra ampia porzione del nostro fabbisogno di elettricità. 
 
Tuttavia, volevamo produrre in loco ancora più energia rinnovabile e per questo dovevamo puntare su altre fonti. Dopo aver preso in esame l’opzione eolica e quella solare, nel 2010 abbiamo iniziato a lavorare con la nostra comunità e con gli enti normativi locali, statali e federali al fine di ottenere l’approvazione per installare a Waxdale almeno una grande turbina eolica. 
Waxdale è il maggiore sito di produzione globale di SC Johnson. Con i suoi oltre 200.000 metri quadrati di superficie, permette di sviluppare i prodotti di marchi come Windex®, Glade®, OFF!®, Pronto® e Scrubbing Bubbles® con l’aiuto dell’energia eolica.
Martedì 18 dicembre 2012, a Waxdale, abbiamo azionato due turbine eoliche. Ciascuna torre di sostegno è alta 126 metri e grazie alle sue pale trasforma l’energia cinetica del vento in elettricità. In totale, le turbine producono circa 8 milioni di kilowattora di elettricità all’anno, l’equivalente di quanto consumato da 700 case. 

Cosa ancora più importante, le turbine eoliche di Waxdale ci hanno aiutato a ridurre di circa 6.000 tonnellate le emissioni di gas serra annuali. Per meglio capire l’importanza di questo dato, basta ricordare che secondo l’U.S. Environmental Protection Agency, un’automobile media emette circa 4,7 tonnellate di gas serra all’anno. Ogni anno, quindi, eliminiamo dai nostri processi produttivi le emissioni di circa 1.300 auto, riducendo così il nostro impatto ambientale.
INIZIO : una delle due turbine eoliche che producono il 15% dell’elettricità necessaria alle attività di Waxdale. 
SOTTO : il nostro sistema di cogenerazione, che produce l’85% dell’elettricità usata da Waxdale.
Le turbine eoliche di SC Johnson nell’impianto di Waxdale
Oggi, Waxdale è, in media, autosufficiente per quanto riguarda la produzione di energia necessaria in loco. Ma le turbine eoliche di Waxdale non sono la nostra unica iniziativa di sostenibilità energetica. Anzi, siamo attivi sul fronte delle energie rinnovabili ormai da svariati anni.
 
Nel 2017, i nostri impianti con energia elettrica al 100% di origine eolica erano tre:
 
  • Bay City, in Michigan, dove produciamo i sacchetti Ziploc®; 
  • Mijdrecht, nei Paesi Bassi, dove nascono prodotti di vari marchi tra cui Glade®, Mr Muscle® e Duck®;  
  • Gorzow, in Polonia, dove nascono prodotti Glade®, Pronto®, Raid® e di altri marchi. 
 
Gli impianti di Bay City e di Gorzow acquistano l’energia eolica dai parchi eolici vicini. L’impianto di Mijdrecht fa altrettanto, ma è anche in grado di produrre da sola circa la metà dell’energia elettrica necessaria, grazie alla turbina eolica di 80 metri installata in loco nel 2009. 
 
Inoltre, due impianti produttivi indonesiani di SC Johnson attuano programmi di conversione dei rifiuti in energia, trasformando scarti alimentari in combustibile: a Medan, i gusci di cocco servono a riscaldare l’acqua necessaria per la produzione di spirali antizanzare; a Surabaya, bruciamo le bucce dei chicchi di riso. In entrambi i casi, i rifiuti tornano nella catena del valore invece di andare semplicemente buttati.
 
Grazie a tutte queste iniziative, circa il 33% del nostro fabbisogno energetico globale è oggi coperto da fonti rinnovabili, e le nostre emissioni di gas serra si sono ridotte di oltre il 50% rispetto al dato di riferimento del 2000. 
 

Energia rinnovabileVento, sole, rifiuti alimentari e scarti: SC Johnson sceglie l’energia rinnovabile

AmbienteLe pietre miliari di SC Johnson come leader ambientale

Energia rinnovabileLe iniziative di SC Johnson in tutto il mondo nel campo delle energie rinnovabili

ArchitetturaL’Europlant di SC Johnson, “il boomerang”: per noi l’architettura è da sempre una fonte di ispirazione

AziendaScheda informativa: Lo stabilimento Waxdale di SC Johnson

A seguire

A seguire

A seguire