Agricoltura sostenibile e sviluppo economico in Ruanda: SC Johnson sostiene la coltivazione dei fiori di piretro

Rafforzare la produzione di piretro insieme ai coltivatori che vivono alla base della piramide significa sviluppo economico per le famiglie.
“Questa iniziativa dimostra il valore di quelle collaborazioni che contribuiscono a far crescere l’economia locale.” – Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson

In linea con il nostro impegno di migliorare la vita delle famiglie, da oltre un decennio cerchiamo opportunità per investire sullo sviluppo economico della base della piramide economica mondiale (“base della piramide” o “BOP”). 

Ne è un esempio recente la nostra collaborazione con The Coca-Cola Company e Society for Family Health Rwanda per il programma EKOCENTER. Incentrato su community store gestiti da donne, prevede la fornitura di repellenti antizanzare e altri prodotti fondamentali alle comunità rurali.

Ma questa non è la nostra unica iniziativa. Dal 2007 al 2015, ad esempio, abbiamo contribuito a rafforzare e ampliare le capacità delle cooperative agricole locali del Ruanda. 

SC Johnson aiuta le donne imprenditrici e l’agricoltura sostenibile in Ruanda
Le nostre iniziative in Ruanda puntavano a far crescere il reddito e gli standard di vita dei coltivatori di piretro, nonché a coinvolgere maggiormente le donne coltivatrici.

Il piretro è un insetticida naturale estratto dai capolini dei crisantemi essiccati. Viene prodotto dagli agricoltori africani.

SC Johnson usa il piretro per produrre alcuni dei suoi prodotti venduti in tutto il mondo, come gli insetticidi Raid® e Baygon®. È quindi importante per noi avere una fonte affidabile di piretro. Abbiamo iniziato ad analizzare le opportunità di sostegno ai coltivatori di piretro ruandesi nel 2007, come proseguimento dei nostri 40 anni di acquisti di piretro nell’Africa Orientale e del nostro lavoro per stabilizzare la fornitura. 

Nel 2009, abbiamo avviato una collaborazione formale con l’U.S. Agency for International Development (USAID) e con il Norman Borlaug Institute for International Agriculture della Texas A&M University: il programma Rwanda Pyrethrum. L’obiettivo era migliorare il reddito e gli standard di vita dei coltivatori di piretro, facendo aumentare la resa dei raccolti e migliorando la qualità dei fiori prodotti.

Nel corso degli anni, questa collaborazione ha avuto numerosi effetti positivi.

  • È stata creata una cooperativa di coltivatori per promuovere le best practice in fatto di raccolta e trasporto del piretro. 
  • All’interno della cooperativa, gruppi di coltivatori si sono riorganizzati per rimuovere quegli intermediari che sottraevano denaro dalla catena del valore del piretro: in questo modo, tutti i profitti ora restano interamente a disposizione dei coltivatori.
  • Sono state insegnate tecniche di agronomia per far crescere la redditività dei terreni coltivati a piretro. 
 

Questa iniziativa dimostra il valore delle collaborazioni che contribuiscono a far crescere l’economia locale, creando allo stesso tempo una coltivazione sostenibile come quella del piretro.
Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson
  • La cooperativa ha fornito informazioni sanitarie alle famiglie, per aiutarle a mantenersi in salute. 
  • I soci della cooperativa hanno ricevuto formazione in tema di gestione finanziaria, leadership e buona amministrazione, competenze che li rendono più efficienti negli affari.
  • Il progetto Py Lifeline ha portato radio a energia solare nelle comunità rurali più remote, che ora possono condividere notizie sulla coltivazione, tendenze di mercato e informazioni sulla salute. Le radio consentono inoltre di ascoltare programmi pre-caricati su temi quali le best practice per la propagazione per seme e il raccolto.
  • I corsi di formazione hanno spiegato gli strumenti di coltivazione sostenibile e i benefici che i coltivatori possono trarre da un approccio sostenibile.

Fisk Johnson e coltivatori di piretro mentre apprendono tecniche di coltivazione sostenibile in Ruanda
Durante il programma Rwanda Pyrethrum, il Presidente e Amministratore Delegato Fisk Johnson si è recato sul posto per dare un’occhiata da vicino alle attività e incontrare i partecipanti. 

Alla conclusione del programma Rwanda Pyrethrum, nel giugno del 2015, la produzione di piretro in Ruanda era aumentata del 371% e il valore a vantaggio dei coltivatori era arrivato a oltre 1,5 milioni di dollari nel 2015.

Il programma ha aiutato oltre 5.000 famiglie di agricoltori e ha dato voce alle donne coltivatrici, dando loro un equo accesso alle decisioni e alla condivisione dei profitti all’interno della cooperativa. 

Maria Nyirambonizanye, una delle 82 coltivatrici di piretro che attraverso il programma hanno organizzato un gruppo di risparmio, ha raccontato che la situazione finanziaria della sua famiglia è migliorata significativamente. “Non devo più pensare e ripensare a dove trovare i soldi per le rette scolastiche”, ha spiegato.

Agricoltori che hanno beneficiato del programma di SC Johnson
Maria Nyirambonizanye e suo marito sono tra i coltivatori che sono stati aiutati dal programma Rwanda Pyrethrum.
Durante l’ultima fase della collaborazione, la responsabilità e l’organizzazione del programma Rwanda Pyrethrum sono state trasferite ai partner locali, per fare in modo che i coltivatori di piretro e le loro comunità continuino anche in futuro a beneficiare dei risultati raggiunti.

SaluteSC Johnson aiuta le famiglie del Ruanda rendendo più accessibili la sanità e migliorando la prevenzione delle malattie trasmesse dalle zanzare

Il nostro obiettivoSovvenzioni SC Johnson: come richiedere una donazione aziendale in Canada

FilantropiaCon sovvenzioni e donazioni di prodotti, SC Johnson aiuta a migliorare le nostre comunità

FilantropiaLa filantropia di SC Johnson e SCJ Giving, Inc.

Le nostre convinzioniNoi crediamo che: I valori della nostra azienda hanno guidato SC Johnson per cinque generazioni

SaluteContro le punture di zanzara e gli altri insetti presenti nelle case: protezione, prevenzione e istruzione

A seguire

A seguire

A seguire