SC Johnson e Fisk Johnson donano 150 milioni di dollari alla scuola di formazione manageriale della Cornell University

L’SC Johnson College of Business della Cornell University riceve da Fisk Johnson e da SCJ una donazione di 150 milioni di dollari

Fisk Johnson e SC Johnson hanno donato 150 milioni di dollari all’SC Johnson College of Business della Cornell University, per far crescere i leader aziendali di domani.
Una vera passione per la conoscenza: Fisk Johnson ha conseguito 5 titoli di studio presso la Cornell University, tra cui un master in Gestione d’impresa, una laurea magistrale in Ingegneria e un dottorato di ricerca in Fisica.
Insieme alla sua fondazione filantropica SCJ Giving, Inc. e alla famiglia Johnson, nel corso degli anni, SC Johnson ha donato milioni di dollari a sostegno dell’istruzione, a tutti i livelli. Il dono che abbiamo fatto nel 2017, però, ha spiccato su tutti gli altri sia per generosità che per aspirazione. 
 
Il nostro Presidente e Amministratore Delegato Fisk Johnson ha annunciato insieme a SC Johnson una donazione di 150 milioni di dollari a favore della Cornell University: la più ingente mai ricevuta dall’università e la seconda più generosa di sempre fra quelle ottenute da una scuola di formazione manageriale.
 
 
Più nello specifico, l’ingente somma servirà a formare professionalmente i leader aziendali del futuro.
Il ruolo del mondo aziendale nel creare una vita migliore
In questo video del 2009 realizzato dalla Cornell University, Fisk e Sam Johnson discutono dell’impatto che il mondo aziendale può avere sulle persone e sul pianeta.
Questa donazione alla Cornell University è un simbolo di fiducia, non solo verso la scuola, ma anche nei confronti delle generazioni future: scienziati, uomini e donne d’affari, creatori e ingegneri. La nostra azienda e il mondo intero dipenderanno da queste menti brillanti per avere le innovazioni e le soluzioni del futuro. 
 
Fisk, che ha conseguito cinque titoli di studio alla Cornell, ha spiegato la donazione con queste parole: “La mia speranza è che questo dono dia nuovo slancio alla crescita del programma formativo della Cornell, perfezionando le sue tre scuole e le qualità che rendono eccezionale ciascuna di esse”.
 
Ha inoltre aggiunto che, al di là del forte legame personale tra la famiglia Johnson e la Cornell, la finalità della donazione e i valori che la animano hanno una portata molto più ampia, ponendosi in continuità con una lunga tradizione di investimenti sull’istruzione, sui giovani e sulle opportunità.
L’intitolazione della scuola da parte della Cornell è sicuramente un onore, ma qui non si tratta di me o della mia famiglia. Si tratta del futuro della Cornell come migliore scuola di formazione manageriale del Paese, e del successo delle tre prestigiose scuole che la compongono.

Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson

Il dono prevede una sovvenzione-sfida da 50 milioni di dollari che servirà per le borse di studio e i programmi del college. Si prevede che dalla sfida arriveranno altri 150 milioni di dollari. Unita alla donazione di SC Johnson e Fisk Johnson, la sfida porterà l’impatto totale a 300 milioni di dollari.

Inoltre, la donazione porta fondi al programma SC Johnson Scholars. Nell’ambito di tale programma, gli studenti delle lauree di primo livello scelti fra quelli della Dyson School e della Hotel School hanno l’opportunità di partecipare a vari eventi organizzati dall’azienda, inclusi tirocini estivi.
La famiglia Johnson sostiene da generazioni la Cornell e la sua missione. Olaf Brauner, suocero di H.F. Johnson Jr., iniziò a insegnare alla Cornell nel 1896 e fondò il Dipartimento di Arte, di cui fu docente per oltre 40 anni. H.F. si laureò alla Cornell nel 1922. Suo figlio e sua nuora, Sam e Gene Johnson, si laurearono entrambi alla Cornell all’inizio degli anni ’50. Tutti i loro quattro figli hanno studiato alla Cornell, incluso il nostro Amministratore Delegato Fisk Johnson.
 
Come ha spiegato Fisk, “Nel 1918 il mio bisnonno mandò mio nonno alla Cornell dopo che uno dei prodotti dell’azienda aveva danneggiato i radiatori della Ford Model T, nonostante fosse progettato per proteggerli. E così, il primo laureato in chimica della mia famiglia, mio nonno, frequentò la Cornell. Oggi, la Cornell ha una delle migliori scuole di formazione manageriale, da cui periodicamente la mia azienda recluta molti laureati di talento.”
INIZIO : i’H.F. Johnson Museum of Art presso la Cornell University, progettato da I.M. Pei.
SOTTO : Sam (al centro) osserva le persone che salutano H.F. (seduto) nel giorno dell’intitolazione del museo che ha reso possibile.
La famiglia Johnson sostiene da generazioni la Cornell e la sua missione. Olaf Brauner, suocero di H.F. Johnson Jr., iniziò a insegnare alla Cornell nel 1896 e fondò il Dipartimento di Arte, di cui fu docente per oltre 40 anni. H.F. si laureò alla Cornell nel 1922. Suo figlio e sua nuora, Sam e Gene Johnson, si laurearono entrambi alla Cornell all’inizio degli anni ’50. Tutti i loro quattro figli hanno studiato alla Cornell, incluso il nostro Amministratore Delegato Fisk Johnson.
 
Come ha spiegato Fisk, “Nel 1918 il mio bisnonno mandò mio nonno alla Cornell dopo che uno dei prodotti dell’azienda aveva danneggiato i radiatori della Ford Model T, nonostante fosse progettato per proteggerli. E così, il primo laureato in chimica della mia famiglia, mio nonno, frequentò la Cornell. Oggi, la Cornell ha una delle migliori scuole di formazione manageriale, da cui periodicamente la mia azienda recluta molti laureati di talento.”

FilantropiaSC Johnson aiuta i bambini a imparare a nuotare, finanzia un centro acquatico per la comunità della propria città

FilantropiaLa filantropia di SC Johnson e SCJ Giving, Inc.

Premi

FilantropiaSC Johnson va oltre l’impegno globale di donare 15 milioni di dollari per combattere le malattie trasmesse dalle zanzare

SaluteSC Johnson aiuta le famiglie del Ruanda rendendo più accessibili la sanità e migliorando la prevenzione delle malattie trasmesse dalle zanzare

FilantropiaSamuel Curtis Johnson: le origini della nostra responsabilità sociale d’impresa e delle nostre donazioni aziendali

A seguire

A seguire

A seguire