Fisk Johnson nell’oceano, circondato da rifiuti plastici

È ora di cambiare il corso degli eventi: una lettera del Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson sull’inquinamento da plastica

“In fatto di rifiuti plastici, è ora di cambiare il corso degli eventi, e SC Johnson sta lavorando sodo per essere parte della soluzione.” - Fisk Johnson
“Se una crisi può avere un lato positivo, allora questa dell’inquinamento da plastica ha il merito di aver conquistato l’attenzione di tutto il mondo.” - Fisk Johnson
Le scioccanti immagini della plastica che invade gli oceani di tutto il mondo sono ormai quotidiane, sia in TV che sui giornali.

Animali marini con lo stomaco pieno di plastica, fiumi intasati dai rifiuti, spazzatura che crea vere e proprie isole nel mare: grazie ai social media, quella che prima era una minaccia astratta è emersa in tutta la sua gravità.

E questa volta non c’è niente di virtuale: le immagini mostrano la vera realtà. Secondo gli esperti, ogni anno finiscono negli oceani 8 milioni di tonnellate di plastica, come se un autocarro ribaltabile versasse in acqua un suo carico ogni minuto. I dati dicono che oltre il 30 percento dei rifiuti plastici “sfugge” ai sistemi di raccolta e finisce nell’ambiente.

I Paesi in via di sviluppo non hanno le infrastrutture necessarie per lo smaltimento e il riciclaggio dei rifiuti, e nei Paesi dove tali infrastrutture esistono i tassi di riciclaggio della plastica sono spesso deludenti: è il caso del Nord America, che arriva appena al 10%.

Se una crisi può avere un lato positivo, allora questa dell’inquinamento da plastica ha il merito di aver conquistato l’attenzione di tutto il mondo. Questo problema ha attirato un’attenzione globale, e insieme a essa sta arrivando un punto di svolta: i governi iniziano a elaborare piani d’azione, i consumatori si dicono pronti a cambiare i propri comportamenti e le aziende come SC Johnson si fanno avanti per dare il proprio contributo.

Questo Report sulla sostenibilità ha proprio l’obiettivo di far conoscere i nostri passi avanti. Spero contribuisca a dimostrare che migliorare è possibile, e che incoraggi ancora più organizzazioni a unirsi a noi.
Se una crisi può avere un lato positivo, allora questa dell’inquinamento da plastica ha il merito di aver conquistato l’attenzione di tutto il mondo. E insieme a questa attenzione arriva un punto di svolta…
Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato
Dopo oltre un decennio di impegno sul fronte della sostenibilità dei nostri imballaggi in plastica, nel 2018 abbiamo accelerato i nostri progressi.

Oltre il 94 percento degli imballaggi in plastica di SC Johnson è già progettato per essere riciclabile, riutilizzabile o compostabile e da anni usiamo la plastica riciclata (PCR) per produrre i nostri flaconi.

Adesso lavoriamo per ampliare la nostra gamma di ricariche concentrate, per triplicare il nostro uso di PCR, per utilizzare flaconi realizzati con plastica altrimenti destinati agli oceani e per arrivare al 100 percento di imballaggi in plastica riciclabili, riutilizzabili o compostabili entro il 2025.

Non sarà semplice, lo sappiamo. Una maggiore percentuale di PCR può modificare il colore degli imballaggi, rendendoli esteticamente meno piacevoli nei negozi. Noi però lo consideriamo una “medaglia al valore”, un attestato del fatto che stiamo facendo la cosa giusta, e quindi proseguiremo su questa strada.

Abbiamo anche capito che non serve vendere ricariche concentrate, come facciamo noi da quasi un decennio, se la maggior parte dei consumatori non è pronta al cambiamento che esse comportano. Ci auguriamo che la crescente consapevolezza in merito all’inquinamento da plastica spinga le persone a scegliere le ricariche concentrate.
Si tratta di un problema complesso che non ha una soluzione unica. Servirà il lavoro congiunto di aziende, governi, ONG e singole persone.

Ecco perché lo scorso anno abbiamo dedicato molto tempo anche alla creazione di collaborazioni che ci consentano di contribuire al progresso in molte parti del mondo.

Ad esempio, poiché molti Paesi non hanno le infrastrutture per gestire i rifiuti riciclabili, abbiamo collaborato con Plastic Bank per costruire centri di riciclaggio, partendo dall’Indonesia. Questi centri contribuiscono a intercettare la plastica prima che arrivi negli oceani e in più offrono un’opportunità economica alle famiglie locali.

Negli Stati Uniti, continuiamo a sostenere la necessità di estendere il riciclaggio domestico alla pellicola plastica come quella dei sacchetti per la spesa, degli imballaggi alimentari e dei sacchetti Ziploc®. I team di SC Johnson hanno dialogato con un’infinità di amministrazioni pubbliche, aziende di opere pubbliche e strutture di riciclaggio, e ora speriamo di essere vicini al lancio del nostro primo progetto pilota.
Come partner globale della Ellen MacArthur Foundation, contribuiamo a varie iniziative per l’economia circolare a livello mondiale. Siamo partiti firmando l’Impegno globale per una nuova economia delle materie plastiche, un documento che punta ad affrontare le cause profonde dell’inquinamento da plastica.

In più, grazie alla pluriennale collaborazione con Conservation International, ho potuto conoscere da vicino vari progetti governativi e di ONG che stanno facendo concreti e misurabili passi avanti nella lotta ai rifiuti plastici.
Nessuna di queste sfide ha una soluzione semplice e serve un’azione concertata a tutti i livelli. Ci sono però motivi di speranza.

Nell’arco dello scorso anno, ho parlato con persone che lavorano in vari Paesi, dall’Indonesia a Panama, dalla Liberia alle Filippine. Ho visto l’impegno e l’attenzione dedicati a questo problema e la passione con cui si cercano delle soluzioni.

So di poter parlare a nome di tutti qui in SC Johnson quando dico che condividiamo questo impegno, questa focalizzazione. In fatto di rifiuti plastici, è ora di cambiare il corso degli eventi, e SC Johnson sta lavorando sodo per essere parte della soluzione.

Insieme, penso che potremo fare dei veri passi avanti.

- H. Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato
VIDEO
​​​​La plastica negli oceani: In che modo i rifiuti di plastica giungono nell’oceano?
 
VIDEO
​​​​La plastica negli oceani: Causa principale
 

Report sulla sostenibilitàFisk Johnson fa luce sulla crisi globale della plastica

Report sulla sostenibilitàSC Johnson e la Ellen MacArthur Foundation: una collaborazione globale rivoluzionaria

Report sulla sostenibilitàSC Johnson perora la causa del riuso: una significativa riduzione dei rifiuti plastici

Report sulla sostenibilitàUna collaborazione innovativa fra SC Johnson e Plastic Bank riduce l’inquinamento da plastica e limita la povertà

Report sulla sostenibilitàSC Johnson lavora a soluzioni per la crisi globale della plastica

Report sulla sostenibilitàCreare un’economia circolare con i materiali riciclati

A seguire

A seguire

A seguire