L’aereo anfibio Carnaúba di Sam Johnson

La spedizione del 1998 in Brasile di Sam Johnson reca una rivelazione: la famiglia ci salva

Nel 1935 H.F. Johnson Junior percorse in volo 24.000 chilometri per coltivare la palma carnaúba in Brasile. Nel 1998 il figlio Sam ripercorse la sua avventura.
“La cosa più importante" disse Sam Johnson “è se noi, come genitori, siamo stati o meno all’altezza delle aspettative dei nostri figli”.
Sam Johnson, leader di quarta generazione di SC Johnson, crebbe ascoltando il racconto delle avventure vissute all’estero dal padre. Quella compiuta in Brasile nel 1935 da H.F. Johnson Junior, la leggendaria “spedizione del Carnaúba”, era sicuramente la più affascinante. Così, quando Sam si imbatté in un biglietto in cui il padre si rivolgeva a lui con le parole: “Sammy, spero che un giorno tu faccia questo viaggio. Mi ha cambiato la vita,” seppe che doveva andare.
VIDEO
“Spero tu faccia questo viaggio un giorno. Mi ha cambiato la vita”.
La spedizione del 1998 di Sam Johnson in Brasile fu più di una semplice avventura. È una storia di famiglia e di amore paterno.
Nel 1935 H.F. e il suo equipaggio decollarono con un aereo anfibio diretti verso la città brasiliana di Fortaleza. Il loro obiettivo era studiare la palma carnaúba, la cui cera è la più dura al mondo. All’epoca questa cera era l’ingrediente principale di quasi tutti i prodotti SC Johnson.
 
“Da bambino, per me tutto questo era pura avventura e fascino”, diceva Sam. “Le storie che mi raccontava mio padre mi facevano spalancare gli occhi dallo stupore e mi riempivano di meraviglia.” 
 
A distanza di 63 anni Sam intraprese lo stesso viaggio. Nel ripercorrere le orme di H.F. lungo quello che fu il suo viaggio più famoso, Sam non solo rese onore al padre, ma iniziò a capirlo un po’ meglio. 
H.F. Johnson Junior con l’aereo Carnaúba
Se la spedizione del 1998 fu concepita per commemorare il padre di Sam, aveva anche lo scopo di stimolare i dipendenti di SC Johnson. L’intenzione di Sam era incoraggiare gli altri a perseguire obiettivi audaci nella vita e nel lavoro. Addirittura era convinto che il futuro della sua azienda dipendesse da questo. 

Ricordava la vitalità che emanava il padre dopo la sua avventura e immaginò quella stessa energia permeare l’intera azienda. “Spero che questo trasmetterà il messaggio a tutti i dipendenti Johnson che, come azienda leader, dobbiamo impegnarci a esplorare nuove idee, assumerci rischi e trovare la motivazione per inseguire un sogno”.

Proprio come era avvenuto nel 1935, all’annuncio da parte del padre della sua spedizione, è probabile che alcuni pensassero che Sam fosse uscito di senno decidendo di affrontare un viaggio fino in Brasile in un aereo minuscolo. Ma proprio come nel caso di suo padre, c’era qualcosa che lo spingeva ad andare avanti.
L’aereo Carnaúba rappresenta lo spirito della famiglia, lo spirito d’avventura e lo spirito di leadership.
Fisk Johnson, Presidente e Amministratore Delegato di SC Johnson
Tuttavia, a Sam mancava l’elemento più importante di tutti: l’aereo. Come avrebbe potuto vivere la stessa esperienza di H.F. se non poteva volare con il Sikorsky S-38 su cui aveva viaggiato il padre?
 
Come avrebbe dichiarato successivamente il nostro Presidente e Amministratore Delegato Fisk Johnson: “L’aereo Carnaúba rappresenta lo spirito della famiglia, lo spirito d’avventura e lo spirito di leadership — tutti valori che fanno parte della nostra identità come azienda.” 
 
Il problema era che l’aereo originario era stato venduto a Shell Oil ed era andato distrutto in mare, in Indonesia, molti anni prima. Inoltre, quando Sam iniziò a pianificare la spedizione, non c’era più nessun Sikorsky S-38 al mondo. E, nonostante tutti i suoi sforzi per localizzare l’S-38 originario, il Carnaúba rimase disperso fino a molti anni dopo.
 
Fu così che Sam commissionò a Born Again Restorations, un’azienda di Owatonna, nel Minnesota, la costruzione da zero di una copia esatta del Sikorsky S-38. Per raggiungere l’obiettivo l’azienda fece affidamento sui dati ricavati da un’approfondita ricerca, sui progetti originali e su alcune buone improvvisazioni. Il risultato fu spettacolare. 
VIDEO
Costruzione di una replica dell’aereo Carnaúba, un Sikorsky S-38
Utilizzando dati di ricerche, i progetti originali e l’improvvisazione, Born Again Restorations ha ricreato l’S-38 per Sam Johnson.
Tre anni e mezzo dopo l’aeroplano di Sam, chiamato Carnaúba come il predecessore, si librò nel cielo. Frutto di 35.000 ore di lavoro, il nuovo S-38 era semplicemente straordinario. “In genere non ci si appassiona alle macchine, ma questo aeroplano è un’opera d’arte” disse Sam. 

Identico all’originale in quanto all’aspetto, il nuovo S-38 presentava delle modifiche introdotte a fini di sicurezza. Tra queste vi erano eliche, ruote, freni e motori migliori, oltre che l’avionica. Inoltre, l’apparato di comunicazione era dotato anche di un sistema di navigazione satellitare e di un transponder.

Tuttavia, l’aereo avrebbe garantito la medesima esperienza vissuta dalla squadra del 1935. La velocità di crociera del nuovo aereo era di circa 160 chilometri all’ora, ossia leggermente superiore alla media di 154 chilometri orari raggiunta dalla spedizione originaria.
Ho provato una sensazione che avrei poi vissuto più volte durante il viaggio: che mio padre avesse volato con me.
Sam Johnson, leader di quarta generazione di SC Johnson
La famiglia Johnson si riunì nel 1998 per salutare Sam e i figli pronti ad affrontare la loro spedizione in Brasile. Nel film Carnaúba: A Son’s Memoir, prodotto nel 2008, Sam dichiara che “l’amore di mia moglie Gene e l’affetto sincero delle mie figlie Helen e Winnie” mi accompagnarono sempre, racchiusi nel mio cuore.
 
Prima di entrare nell’attività di famiglia Sam aveva accarezzato l’idea di diventare un pilota professionista. Ora era felice di essere tornato a volare. Si sentiva come se il padre fosse accanto a lui, per sostenerlo durante il viaggio. Insieme, i Johnson sorvolarono terreni coltivati, stormi di uccelli, alberi rivestiti dei colori dell’autunno e l’enorme Rio delle Amazzoni. 
Sam Johnson durante la sua spedizione sul Carnaúba per ricongiungersi con suo padre e con la storia della famiglia Johnson
Nella spedizione del 1998 Sam e i figli percorsero 12.000 chilometri a tratta.
Sam riuscì a ripercorrere le orme del padre e la spedizione fu un’avventura meravigliosa. Tuttavia, molto più che questo, la spedizione si rivelò un viaggio di famiglia e di riflessione. 
 
Sam comprese nuove cose sul padre e anche su se stesso come genitore. Inoltre, in un’epoca in cui i capi delle grandi aziende spesso cercano di mantenere il riserbo sulla loro vita personale, condivise con generosità questi suoi pensieri con tutti noi.
 
Il risultato è Carnaúba: A Son’s Memoir, una pellicola contraddistinta da una straordinaria qualità cinematografica, una colonna sonora in crescendo e, soprattutto, un messaggio molto potente. È un regalo di Sam ai genitori di tutto il mondo.
 
Quando Sam ha condiviso per la prima volta il film con le persone di SC Johnson, ha dichiarato: “Spero che questo film avrà un qualche significato per le generazioni future perché dice molto di quello che siamo come famiglia. Ci aiutiamo vicendevolmente, lavoriamo insieme e non abbiamo paura di affrontare un’avventura di tanto in tanto. Non abbiamo neanche paura dell’onestà. E lo stesso deve valere per l’azienda”. 
VIDEO
Che cosa cercava suo padre e che cosa trovò Sam?
Al di là della mera avventura di una spedizione di 24.000 chilometri, all’arrivo Sam Johnson scoprì qualcosa di molto più potente.
Come afferma nel film, alla fine del viaggio Sam si rese conto della cosa più importante che aveva scoperto. 
 
“Pensando a quello che aveva fatto mio padre e poi anche al futuro, arrivai alla conclusione che non dobbiamo preoccuparci dell’aver risposto o meno alle aspettative dei nostri padri, ma se noi padri abbiamo risposto alle aspettative dei nostri figli”.
 
Queste parole sono diventate una sorta di mantra per la nostra azienda sia per l’impatto che vogliamo creare che per l’eredità che vogliamo lasciare. Sono incise sul muro della Fortaleza Hall, nel campus della nostra sede centrale, e l’aereo costruito nel 1998 si erge al di sopra di esse.
 
Ogni giorno ci ricordano della spedizione del Carnaúba del 1998 e del messaggio di speranza che Sam ha lasciato a tutti noi: esplorare nuove idee, assumerci rischi, trovare la motivazione per inseguire un sogno e tenere sempre in considerazione le generazioni future. 
GUARDA I NOSTRI FILM
Unisciti a Sam Johnson nel viaggio che ripercorre la spedizione di volo in Brasile che cambiò la vita a H.F. in Carnaúba: A Son’s Memoir. I nostri film vengono proiettati nel teatro The Golden Rondelle, presso il campus di SC Johnson a Racine, nel Wisconsin. 
Prenota un posto

Film aziendaliDa “To Be Alive!” a “Carnaúba: A Son’s Memoir”, i film di SC Johnson sono fonte di ispirazione e di divertimento

Film aziendaliIl film di Sam Johnson “Carnaúba: A Son’s Memoir” è una celebrazione dell’avventura e della famiglia

ArchitetturaUna nuova vetta di design architettonico per SC Johnson, nella sua sede centrale: Fortaleza Hall

Famiglia JohnsonGene Johnson: una coscienza per SC Johnson, una paladina dell’istruzione per i bambini

AziendaSC Johnson è un’azienda di famiglia

Film aziendaliLiving Planet: una pellicola sponsorizzata da SC Johnson Company che ha consentito a milioni di persone di ammirare la natura con una veduta a volo d’uccello

A seguire

A seguire

A seguire